Vai al contenuto

Posts contrassegnato dai tag ‘social media’

I vincitori del Certificato di Eccellenza continuano a festeggiare

In tutto il mondo, i vincitori del Certificato di Eccellenza stanno commemorando il successo ottenuto. Esplorate la galleria di seguito per visualizzare alcune istantanee delle nuove luccicanti targhe e dei festeggiamenti in onore della vincita di alcune strutture orgogliose.

I vincitori possono scaricare i widget del Certificato di Eccellenza, da inserire sul sito web della struttura, e altri strumenti promozionali su www.tripadvisor.it/widgets. Se la vostra struttura non è stata premiata per il 2013, non scoraggiatevi. Quasi la metà (49%) dei vincitori di quest’anno ha ricevuto il premio per la prima volta. Trovate qui ulteriori informazioni su come ottenere i premi di TripAdvisor il prossimo anno:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Strategia di TripAdvisor per i social media: cosa comporta per le strutture? [Parte due]

Questa è la seconda parte dell’intervista a Jamie Conroy, Direttore dei prodotti per social media di TripAdvisor. Fate clic qui per leggere la prima parte.

Secondo te, in che modo i social media influiscono sul settore alberghiero?

Le persone si rivolgono a TripAdvisor per pianificare un viaggio. Cercano il feedback di altre persone della community e ne tengono conto nel decidere dove prenotare. Inevitabilmente, i social media aiutano le strutture che offrono un servizio eccellente e mettono in luce quelle che invece non sono all’altezza. Inoltre, aiutano le strutture a raggiungere un pubblico più ampio rispetto al passato.

Hai qualche consiglio per le strutture che si apprestano a sviluppare o a migliorare una strategia per i social media?

Sui social network, le discussioni sui marchi avvengono in qualsiasi momento, con o senza l’intervento dei diretti interessati. Il tempo in cui si propinavano messaggi a un pubblico passivo è ormai finito. Oggi, i proprietari hanno la straordinaria opportunità di partecipare alla discussione, di “sentire” cosa dicono i clienti sulle piattaforme social come TripAdvisor, Facebook e altre e di replicare.

Per chi è agli inizi, la cosa migliore è concentrarsi su poche piattaforme social e costruire una presenza molto visibile e attiva. Occorre individuare un pubblico di destinazione e i siti social in grado di attirare tale pubblico. Quindi, lavorare per sviluppare una presenza molto attiva sulle piattaforme selezionate: occorre spendersi molto. Si tratta di un vero e proprio investimento ed è necessario un impegno costante e un coinvolgimento attivo. La parola chiave è costanza: internet è piena di esempi di strutture che hanno iniziato su diverse piattaforme social per poi abbandonarle tutte.

In che modo possono le strutture trarre vantaggio dalla relazione tra TripAdvisor e Facebook?

Siamo stati tra i primi sviluppatori per Facebook nel 2007. Una scommessa che si è rivelata vincente. Da allora, siamo stati partner nel lancio di numerose iniziative Facebook, come il pulsante Mi piace e il Grafico aperto. Siamo sempre concentrati sulla prossima mossa e su come le nuove opportunità possono aiutare i nostri utenti.

Oggi, Facebook conta più di 1 miliardo di utenti e 1 recensione su 3 viene pubblicata su TripAdvisor da un utente che ha effettuato l’accesso tramite Facebook. La relazione con Facebook amplifica ogni recensione che le strutture ricevono. Aiuta inoltre a fornire ai clienti contenuti pertinenti, perché le recensioni degli amici attirano l’attenzione più di quelle pubblicate da sconosciuti.

Quali sono le tre mosse migliori che consiglieresti alle strutture rispetto ai social media?

Siate costanti: una volta avviato il coinvolgimento di clienti e potenziali clienti sui social media, il rapporto va continuamente alimentato. Non create una pagina Facebook o un profilo su TripAdvisor per poi non dedicarvi più attenzione subito dopo. I vostri clienti vi forniranno feedback diretto di grande valore 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.  Ascoltateli e rispondete in modo costruttivo. Il vostro impegno sarà presto ripagato.

Verificate e misurate: definite i vostri obiettivi rispetto all’impegno dedicato ai social media e le metriche più importanti per la struttura. Puntate a ottenere tanti Mi piace su Facebook o a far conoscere il vostro marchio a potenziali clienti coinvolgendoli in una conversazione? Una volta definiti gli obiettivi, monitorateli. TripAdvisor, Facebook e altri siti di social media offrono dati e spunti importanti sul comportamento degli utenti: utilizzate queste informazioni a vostro vantaggio e provate continuamente nuove strategie per coinvolgere i potenziali clienti. Un mix efficace di canali gratuiti e a pagamento può offrire enormi vantaggi: i social media sono molto efficaci nell’amplificare il messaggio, ma talvolta una campagna a pagamento o un canale pubblicitario aiuta a promuovere in modo più efficace il messaggio.

Siate voi stessi: lasciate che la vostra personalità o quella della struttura traspaia dal messaggio. Raccontate chi siete, immaginate quello che il vostro pubblico vorrebbe sentire e coinvolgetelo in una conversazione sincera.

Quali sono le mete che vorresti visitare nel prossimo futuro?

Per il mio prossimo viaggio sto pensando ai parchi nazionali nella zona ovest degli Stati Uniti. È una bellissima parte del Paese che conosco poco. C’è ancora così tanto da esplorare.

Strategia di TripAdvisor per i social media: cosa comporta per le strutture? [Parte prima]

Jamie Conroy è il Direttore dei prodotti per social media di TripAdvisor. Di recente, gli abbiamo fatto alcune domande sull’evoluzione della strategia per social media di TripAdvisor nel tempo.

Parlaci del tuo background.

Lavoro in TripAdvisor da quattro anni e mezzo e mi occupo della supervisione del team che lavora ai prodotti per i social media. Il nostro obiettivo è soprattutto quello di rendere la pianificazione dei viaggi un’esperienza sempre più ricca e interattiva. Siamo responsabili dell’integrazione in loco tra TripAdvisor e Facebook, delle app TripAdvisor e Local Picks per Facebook e puntiamo a estendere le funzionalità per social media a tutti gli altri componenti di TripAdvisor.

Prima di approdare in TripAdvisor, ho ricoperto diversi ruoli nel settore tecnologico, negli Stati Uniti e all’estero. Di recente, ho gestito la presenza pubblica sul web per ZoomInfo.

Qual è il rapporto tra TripAdvisor e i social media?

Viaggiare è un’attività sociale per natura. È un’esperienza che si fa in compagnia, che inizia con la pianificazione del viaggio e termina con la condivisione dell’esperienza al rientro. In realtà, TripAdvisor è un sito di social media che favorisce e potenzia questo tipo di interazione sociale. È un forum pubblico che accoglie le recensioni di hotel scritte dai viaggiatori e offre ai proprietari la possibilità di replicare, a beneficio di tutti gli utenti.

Quando ha iniziato TripAdvisor a integrare i consigli degli amici degli utenti? Come si è evoluto questo approccio?

Il primo vero promotore dei consigli di viaggio degli amici è stata la rete di viaggiatori di TripAdvisor, di cui forse si è parlato poco. L’idea era di creare un social network in cui i viaggiatori potessero entrare in contatto tra loro. I contenuti pubblicati dai contatti venivano mostrati in alto durante la navigazione nel sito. Il progetto non è mai decollato davvero. Le persone non cercavano l’ennesimo social network, all’epoca MySpace e gli altri erano sufficienti. Tuttavia, l’idea alla base di abbinare le opinioni degli amici ai contenuti tipici di TripAdvisor basati sulla “saggezza popolare” si è poi rivelata vincente. Quando è arrivato, Facebook ha messo a nostra disposizione un network in rapida crescita. Quindi, abbiamo deciso di correre un rischio calcolato e abbiamo sviluppato una nuova strategia intorno a questo social network.

Oggi, i social media sono ormai diventati un canale di massa. La saggezza popolare non ha certo perso di importanza, ma le opinioni della massa sono ora integrate con le opinioni degli amici. Ad esempio, se stai pensando di fare un viaggio a Firenze, possiamo dirti quali dei tuoi amici ci sono già stati, dove hanno soggiornato, quali ristoranti hanno apprezzato e quali attrazioni consigliano.

Il tutto supportato dai contenuti di TripAdvisor e dal grafico social di Facebook. Questa funzionalità è molto efficace, sia per i viaggiatori sia per i proprietari delle strutture, perché aiuta a fornire particolari pertinenti che potrebbero non venire alla luce se un determinato viaggiatore non sapesse che uno dei suoi amici è già stato a Firenze.

In cosa consiste l’app di TripAdvisor per Facebook? Quale valore porta alle strutture?

L’app per Facebook si basa sull’idea che i viaggi aiutano a definire la personalità degli individui: i posti visitati, gli aspetti più apprezzati di un viaggio, le mete più ambite sono tutte informazioni che le persone amano condividere e raccontare agli amici. La nostra app per Facebook aiuta le persone a raccontare dei propri viaggi, a condividerli con la propria rete sociale.

Per le strutture, l’app, che è l’app di viaggi più popolare su Facebook, estende la portata dei contenuti di TripAdvisor raggiungendo più di un miliardo di utenti attivi mensili su Facebook. Consente di allargare facilmente la rete di amici e di condividere con loro informazioni, anche nei momenti in cui non stanno attivamente pianificando un viaggio. È inoltre una fonte di ispirazione utile per gli utenti che sono alla ricerca di informazioni per il loro prossimo viaggio: l’opinione di un amico conta molto quando si pianifica un viaggio.

Di cosa si occuperà il tuo team nei prossimi sei mesi?

La mobilità continua a ricoprire un ruolo importante per TripAdvisor e per il mio team. Stiamo cercando di agevolare ulteriormente l’interazione sociale dai dispositivi mobili. Continueremo inoltre a lavorare per favorire il coinvolgimento su Facebook.

Cambiamo decisamente tono. Qual è stata la tua vacanza preferita?

Un viaggio di tre settimane in Nuova Zelanda. Sembra tanto tempo, ma io e mia moglie abbiamo visitato sia le isole del nord sia quelle del sud e sarebbe stato fantastico altro tempo per proseguire l’esplorazione del Paese. È fantastico… come vivere su un set cinematografico. La parte più interessante sono le attività estreme: bungee jumping, motoscafi, fuoristrada nei canyon, sport avventurosi… Modi folli per rischiare la vita immersi in uno scenario dalle bellezze naturali incredibili.

Non perdete il seguito della nostra intervista a Jamie. Ci offrirà spunti e idee sui social media e su come influiscono sul settore alberghiero, oltre a dare utili consigli alle strutture. Parte due

Lo studio TripBarometer rivela le tendenze per viaggi, ecologia e mobilità [Infografica]

TripBarometer by TripAdvisor è il sondaggio su viaggi e alloggi più grande del mondo1. Lo studio, condotto tra dicembre 2012 e gennaio 2013, ha rivelato interessanti tendenze relative alle previsioni del settore turistico per il 2013 e oltre.

Consultate l’infografica riportata di seguito per i risultati dettagliati. Per visualizzare ulteriori dati e i risultati relativi ad altri Paesi, visitate http://www.tripadvisortripbarometer.com/Italy.

¹ Metodologia: lo studio TripBarometer by TripAdvisor si basa su un sondaggio online condotto tra dicembre 2012 e gennaio 2013 da un’agenzia di ricerca indipendente, StrategyOne, divisione di Edelman Berland, per conto di TripAdvisor. La ricerca ha visto la partecipazione di un totale di 35.042 persone provenienti da 26 Paesi in 7 regioni mondiali. Il campione è composto da 15.595 consumatori e 19.447 strutture, il che rende questo sondaggio lo studio combinato sugli operatori del settore ricettivo e sui viaggiatori più grande del mondo.

La School of Hotel Administration di Cornell offre una grande opportunità di apprendimento

eCornell e Cornell University offrono insieme un nuovo corso online gratuito in marketing per i nuovi media dedicato ai professionisti del settore alberghiero. Una straordinaria opportunità di apprendimento e aggiornamento.

eCornell LogoIl corso intitolato “Marketing the Hospitality Brand through New Media: Social, Mobile & Search” è il primo corso online interamente dedicato a questo argomento. “Il corso è stato concepito come strumento virtuale per aiutare le strutture ad aumentare i profitti attraverso i nuovi canali multimediali. I professionisti del settore alberghiero avranno la possibilità di ricevere formazione da parte della rinomata scuola di gestione di strutture alberghiere della facoltà di Cornell e inoltre potranno apprendere nozioni e strategie dai principali esperti del settore. L’obiettivo del programma è quello di consentire ai partecipanti di acquisire le competenze per ricoprire un ruolo chiave nelle strategie di marketing delle loro aziende” afferma Chris Proulx, AD di eCornell. “Siamo lieti di rendere questi contenuti disponibili gratuitamente online e riteniamo che questo sia un ottimo modo per presentare la leadership di pensiero della Cornell in questo campo ed estenderla al più ampio settore alberghiero”.

La differenza tra questi corsi online e tutti gli altri è la presenza di un istruttore-guida che assiste gli studenti in esercitazioni concrete che incoraggiano attività pratiche. Il programma è ideale per professionisti di marketing e vendite, responsabili generali, dirigenti finanziari e praticamente tutte le persone coinvolte nel miglioramento delle prestazioni finanziarie.

Gli studenti che completano il corso gratuito potranno beneficiare di uno sconto sull’iscrizione al master in nuovi media della Cornell. I partecipanti che completano entrambi i corsi riceveranno un riconoscimento professionale, un Certificato in Hospitality Marketing & New Media Strategies for Revenue Growth dalla School of Hotel Administration di Cornell.

Oltre 3.100 studenti sono già iscritti al corso. Guardate il video di anteprima del programma  o iscrivetevi subito qui (solo in inglese).

Uno studio pioneristico di Cornell mette in correlazione recensioni, camere occupate e prezzi

Con il proliferare dei social media negli ultimi anni, molti professionisti del settore ricettivo si sono posti un interrogativo: si può quantificare il ROI? I social media valgono davvero un investimento di tempo e risorse?

TheCHR_187Un nuovo studio pioneristico, “The Impact of Social Media on Lodging Performance” (L’impatto dei social media sul rendimento delle strutture ricettive), condotto da The Cornell Center for Hospitality Research fornisce delle risposte. Si tratta della prima ricerca che dimostra il ROI che gli hotel possono aspettarsi di ottenere da social media e recensioni.

Ecco i principali risultati dello studio:

  • Gli ospiti visitano TripAdvisor sempre più spesso prima di prenotare. Inoltre, le recensioni rappresentano una delle ultime fonti di informazioni che i viaggiatori consultano prima di scegliere un hotel.
  • Punteggi più elevati nelle recensioni sui siti delle agenzie di viaggio online consentono agli hotel di aumentare le tariffe senza ridurre i livelli di occupazione. La ricerca rivela che se una struttura è in grado di ottenere un punteggio più elevato nelle recensioni, anche di un solo punto (su una scala da uno a cinque), sui canali delle agenzie di viaggi online, anche aumentando i prezzi dell’11,2% circa, essa riuscirebbe a mantenere gli stessi livelli di occupazione delle camere.
  • Le strutture con una reputazione più solida su tutti i canali ottengono risultati complessivamente migliori. A un miglioramento della reputazione complessiva della struttura sui social media corrisponde una maggiore possibilità di aumentare i prezzi senza conseguenze negative sul fatturato. Questo porta a un maggiore rendimento nel tempo.

Per ulteriori dettagli e per consigli utili per la vostra struttura, consultate il nostro riepilogo del rendiconto o lo studio completo  (in lingua inglese).

Fonte: “The Impact of Social Media on Lodging Performance”. Chris K. Anderson, The Center for Hospitality Research. Cornell University. Novembre 2012.

Novità! Mostrate i contenuti pubblicati su TripAdvisor ai vostri fan e follower di Facebook con la nostra app facilissima da usare

Buone notizie per i proprietari registrati su TripAdvisor che utilizzano anche Facebook per restare in contatto con fan e clienti: abbiamo semplificato ulteriormente la procedura per mostrare i contenuti di TripAdvisor nella pagina Facebook della vostra struttura.

Molti proprietari nel settore ricettivo ricevono innumerevoli riscontri positivi dagli ospiti nelle pagine di TripAdvisor. Oggi è possibile riutilizzare tali contenuti su Facebook mostrando le recensioni ottenute dalla struttura e le foto a tutti i fan sulla piattaforma di social media più grande del mondo.

Abbiamo sviluppato un’app TripAdvisor semplicissima da utilizzare nella pagina della struttura su Facebook. Una volta completata l’installazione dell’app, gli estratti delle recensioni e le foto autentiche dei viaggiatori verranno automaticamente mostrate insieme a eventuali premi TripAdvisor vinti dalla struttura. L’app è totalmente personalizzabile, è possibile scegliere gli elementi da condividere con i fan e quelli da non mostrare.

L’app è disponibile nel Centro Gestione nella sezione “Strumenti di marketing gratuiti”. Per la guida di installazione, consultare il PDF dedicato all’app TripAdvisor per Facebook.

Cosa aspettate? Installate l’app TripAdvisor per Facebook oggi stesso per mostrare ai vostri fan e potenziali clienti i riscontri positivi ottenuti su TripAdvisor.